Cerca
  • giuliasweetpotato

Se lo tieni tanto in braccio poi si vizia!!!!!!!!!

Aggiornato il: 28 mag 2020


Quanto si fa presto a dire questa frase, e quanto è maledettamente FALSA!

Come ci ricorda Giorgia Cozza in un bellissimo articolo pubblicato su Uppa (n.103 anno XIX), succede esattamente il contrario è cioè se forniamo al neonato molto contatto fisico e la nostra presenza costante, contribuiamo alla maturazione di una personalità più se

rena e sicura nell’immediato e fino all’età adulta!

Il neonato proviene da un contenimento costante ricevuto in utero e fisiologicamente richiede il contenimento del corpo materno anche dopo la nascita, e se mettendo in atto il pianto lo ignoriamo impara solo che il suo richiamo è inefficace e fallimentare!!! Inoltre una ricerca della Duke University del North Carolina ha dimostrato che “a livelli di affetto molto elevati ricevuti nella primissima infanzia, corrispondono valori significativamente più bassi di ansia

angoscia e ostilità.” Un altro studio condotto dalla Washington University School of Medicine di St. Luis, ha evidenziato un collegamento tra le relazioni affettuose con i genitori, nutrite di contatto e vicinanza, e un miglior sviluppo dell’ippocampo, regione cerebrale che svolge un ruolo essenziale nella gestione dello stress. In pratica le coccole aiutano il bambino a crescere più sicuro di se”. Come se non bastasse, in Canada è stato fatto uno studio , condotto dal British Columbia Children’s Hospital Research Institute, che ha dimostrato che “il contatto fisico nella primissima infanzia lascia una “traccia biologica” nell’individuo”. Analizzando il DNA 🧬 Sono emerse infatti delle differenze in termini di regolazione dell’attività dei geni soprattutto quelli coinvolti nel sistema immunitario e del metabolismo.

Parleremo ancora dei vizi...nel frattempo coccolatevi grandi e piccini, che fa bene alla salute!!


Se vuoi avere più contatto con il tuo bimbo, ma vuoi anche avere la possibilità di fare le tue cose usa la fascia porta bebè !!... Portato in fascia, il bambino si sente protetto e sicuro. Avvolto dolcemente dal tessuto e comodamente appoggiato al corpo della mamma o del papà, é in grado di sentirne il calore, l'odore, la voce, il battito del cuore. Può riconoscere il volto e mantenere un costante contatto visivo con chi lo porta.


30 visualizzazioni0 commenti

©2020 di Giulia Prandini.